giovedì 23 aprile 2015

L'osservatorio riapre gli occhi Astri e pianeti a portata di clic

L'osservatorio «Serafino Zani» di Lumezzane

Naso all'insù. A caccia di comete, pianeti, costellazioni e galassie. Riapre gli occhi, dopo il riposino invernale, l'osservatorio Serafino Zani di Lumezzane, che in tandem con il planetario di via Mazzini rappresenta un punto di riferimento imprescindibile per gli appassionati e gli astrofili bresciani.
A tenere a battesimo la nuova stagione di eventi e conferenze ShiAnne Kattner, astrofisica americana del planetario di Casper, in Wyoming, che ha vinto il premio «Two weeks in Italy» (due settimane in Italia), indetto vent'anni fa dalla società internazionale dei planetari con l'osservatorio valgobbino.
NEI PROSSIMI giorni sarà impegnata in lezioni di astronomia con gli studenti delle quarte e quinte superiori di Brescia, Perugia e Gorizia. Per quanto riguarda la consueta stagione di eventi illustrata dal presidente dell'osservatorio Tarcisio Zani, e dai delegati dell'Unione astrofili bresciani, cupola e telescopio sul colle San Bernardo riapriranno sabato 2 maggio e si potranno visitare ogni sabato, escluso l'ultimo del mese, fino a settembre. Le serate prevedono una lezione generale e poi la pratica al telescopio.
Sempre a maggio partirà un corso gratuito per imparare a riconoscere stelle e costellazioni, con la teoria dal 15 maggio fino al 4 giugno tra il museo di scienze naturali, in quel di Brescia, il planetario di Lumezzane e il castello cittadino.
La pratica dal 18 giugno all'11 luglio tra la valle di Mompiano, l'osservatorio valgobbino e la Valtenesi.
Per gli appassionati di stelle più esperti, dal 17 al 19 luglio torna anche lo stage astronomico sul San Bernardo.
IL PROGETTO. Va avanti anche il percorso di automazione del telescopio avviato da uno staff di dieci esperti per rendere visibili in tempo reale sui propri dispositivi (computer, tablet o smartphone) le immagini catturate dal cannocchiale.
Una soluzione che potrà consentire, per esempio durante una lezione di scienze a scuola, di osservare la volta stellata senza dover salire sul colle. I test continuano e si lavora anche sul collegamento alla rete internet.
Sul fronte iniziative, l'assessore Rossana Bossini ha proposto al gruppo astrofili di entrare nella consulta comunale della cultura
f.zizzo

Nessun commento:

Posta un commento